Stai per uscire dal sito Web. Sei sicuro?

Accetto, portami lì

Iazzetta e MT-07

.

Rosaria Iazzetta e la sua MT-07

Da Napoli al Giappone.
La chiamata alle armi delle emozioni.

Cosa spinge una professoressa di Belle Arti a inforcare la propria moto, partire da Napoli e raggiungere il Giappone?
Bisognerebbe chiederlo a lei, Rosaria Iazzetta, personalità multiforme che è anche scultrice, sociologa e, naturalmente, motociclista.
Ha chiamato la sua cavalcata, è il caso di dirlo, Yellow Horse, al secolo una MT-07 dalla livrea giallo abbagliante.
La motivazione di una cavalcata lunga 13.344 chilometri, attraverso 11 Paesi e 54 città la troviamo in una sua dichiarazione: "Dedico la mia fatica a tutte le donne che ogni giorno lottano il silenzio per affermare i propri sogni".
Proprio le donne, i loro desideri, le loro passioni e i loro sforzi quotidiani sono l'oggetto della ricerca di Rosaria, che ha intervistato 45 personaggi femminili impegnati nell'arte, nello sport e in politica per realizzare un documentario per riflettere sulle analogie e differenze della condizione femminile in Europa e in Asia.
Singolare la scelta della meta finale: Morioka, una città che condivide con la città di Rosaria un particolare non da poco: un vulcano. Al Vesuvio corrisponde infatti il Monte Iwata che, per una curiosa assonanza, ricorda molto Iwata, sede centrale di Yamaha. 
 
Rosaria ha affrontato l'esperienza con grande entusiasmo e passione, come dimostra la sua esclamazione alla partenza: "È come vivere, un'emozione che oscilla tra una festa di matrimonio, e una chiamata alle armi!".
Numerosi i momenti di meraviglia e smarrimento, come quando, di passaggio ad Astana, capitale del Kazakistan, scrive: "È una fantasmagorica visione del futuro esattamente al centro del nulla".
Se anche solo una parte di queste sensazioni confluirà nel documentario, nessuno di noi se lo potrà perdere.
Itinerario Iazzetta

11 Paesi, 59 città, 45 interviste, 13.344 km

PAESE CITTÀ DATA KM TRATTA
Italia Napoli      
  Perugia      
  Venezia      
  Trieste      
Croazia/Serbia Zagabria 27 giugno 1.085 NA-ZA
  Sarajevo      
  Belgrado      
  Kikinda      
  Novi-sad      
Ungheria Budapest 3 luglio 345  ZA-BU
  Nyregyhaza      
Ucraina Mukacheve 3 agosto 473 BU-MU
  Stryj      
  Leopoli      
  Rivne      
  Kiev      
  Konotop      
Russia Zeleznogorsk 5 agosto 1.670 MU-ZEL
  Tambov      
  Kuzneck      
  Samara      
  Ufa-Bakal      
  Celjabinsk      
  Kurgan      
Kazakistan Petropavl 15 agosto 2.562 ZEL-PET
  Kosetaw      
  Astana      
  Ekibastuz      
  Rodino      
  Barnaul      
  Bijisk      
  Sebalino      
  Inja      
  Ortolyk      
Mongolia Ulaango 26 agosto 2.158 PET-ULA
  Baruunturuun      
  Moron      
  Bulgan      
  Ulan Bator      
  Sajnsand      
Cina Xilin Gol 8 settembre 1.790 ULA-XIL
  Zhangjiakou      
  Pechino      
  Tientsin      
  Yantai      
Corea del Sud Incheon 20 settembre 1.352 XIL-YAN
  Seoul      
  Yongin      
  Goesan      
  Daegu      
  Gimhae      
  Busan      
Giappone Fukuoka 3 ottobre 430 INC-BUS
  Hiroshima      
  Osaka      
  Kyoto      
  Tokyo      
  Sendai      
  Morioka 20 ottobre 1.600 FUK-MO