Stai per uscire dal sito Web. Sei sicuro?

Accetto, portami lì

Il customizer ed ex pilota professionista Roland Sands ha abbracciato la filosofia “Faster Sons”, fatta di uno stile classico e senza tempo, abbinato alla tecnologia di punta Yamaha, a cui si aggiunge un terzo elemento: il pedigree da gara tipico di una scuderia di razza. Il risultato è un mezzo capace di lasciare il segno che rende omaggio alla mitica TZ750 di Kenny Roberts in virtù dell’inconfondibile livrea giallo-nera “calabrone”.

Dotata di motore Yamaha 3 cilindri in linea da 850cc e telaio in alluminio leggero, la “Faster Wasp” ha tra i punti di forza dal sapore classico il pungiglione di coda e prestazioni eccezionali. 

La filosofia costruttiva integra svariate parti progettate da Roland Sands Designs, tra cui il serbatoio in alluminio realizzato a mano, il codone, le prese d’aria, i fianchetti del radiatore, il porta targa anteriore e il parafango anteriore. Della dotazione fanno parte anche numerosi prototipi: il carterino Clarity della distribuzione, le pedane arretrate, il serbatoio del freno posteriore e le protezioni motore. A questi si aggiungono il copri catena, il tappo distribuzione, i tamponi mozzo e il tappo del serbatoio, tutti prototipi a marchio RSD. 

La “Faster Wasp” sfreccia su cerchi RSD Morris in alluminio forgiato (da 17x3,5” anteriore e 17x6,0” posteriore) che montano pneumatici Dunlop Q3. Il caratteristico rombo a tre voci è opera dei collettori Two Bros Racing in acciaio inox e della marmitta Slant di RSD. La potenza è trasferita alla ruota posteriore dai pignoni Renthal, mentre il potere frenante è assicurato dai rotori dei freni anteriori superbike RSD, dalle pinze radiali Performance Machine, dalla pompa freni radiale RSD e dalle tubazioni Spiegler. 

La “Faster Wasp” sfreccia su cerchi RSD Morris in alluminio forgiato (da 17x3,5” anteriore e 17x6,0” posteriore) che montano pneumatici Dunlop Q3. Il caratteristico rombo a tre voci è opera dei collettori Two Bros Racing in acciaio inox e della marmitta Slant di RSD. La potenza è trasferita alla ruota posteriore dai pignoni Renthal, mentre il potere frenante è assicurato dai rotori dei freni anteriori superbike RSD, dalle pinze radiali Performance Machine, dalla pompa freni radiale RSD e dalle tubazioni Spiegler.

2016 Yard Built XSR900 ‘Faster Wasp’ by Roland Sands Design