Usiamo i cookie per comprendere come il nostro sito viene utilizzato e per poter così intervenire miglioradolo e migliorando i nostri prodotti, servizi e attività di marketing.

Continuando la navigazione senza apportare modifiche alle vostre impostazioni, confermate di voler accettare tutti i cookie impiegati dal nostro sito. Tuttavia, potrete modificare in qualsiasi momento le vostre impostazioni. Per ulteriori informazioni relative ai cookie del nostro sito e al loro utilizzo vi invitiamo a leggere "la sezione dedicata alla gestione dei cookie".

 

XJR1300 'Big Bad Wolf' by El Solitario

Condividi

Il progetto Yard Built di Yamaha allarga gli orizzonti con il Big Bad Wolf di El Solitario.

La scorsa estate Yamaha, in collaborazione con l'officina di tendenza spagnola El Solitario, ha costruito la versione finale della XJR 2015 per celebrare i 25 anni di questa mitica icona della strada.

La chiave del successo di questo progetto è stata la collaborazione con Mauro Abadini, di Classic Co. In qualità di direttore tecnico, ha portato con sé la fiducia e le competenze di veterano delle corse e vincitore di molte sfide. Ultimo ma non meno importante, l'esercito di esperti del settore delle corse, tutti desiderosi di collaborare con El Solitario. Il risultato finale è "Big Bad Wolf" meglio conosciuta come BBW: interamente customizzata ad eccezione di telaio, serbatoio, manubrio e luce posteriore, con un peso in ordine di marcia portato a soli 183 kg. .

Big Bad Wolf

Il motore è stato riprogettato e le testate sono state riposizionate e rese più sporgenti. La portata della luce di aspirazione è stata aumentata del 50%. La compressione è stata aumentata da 9,7 -1 (stock) a 10,7 -1. Le camere di combustione sono state rimodellate e le aree di squish sono aumentate. Le bielle sono state rinforzate con bulloneria in titanio e l'albero motore è stato riequilibrato. Tutti i componenti elettronici sono stati rimossi per dare spazio ai carburatori all'avanguardia Lectron 42, sviluppati specificamente per la BBW da Lectron Fuel Systems sul banco a portata d'aria e montati immediatamente alla consegna. È stata installata un'accensione Dynatek programmabile. Sulla ruota posteriore la potenza raggiunge i 148 bhp.

Classic Co. ha realizzato la sezione della coda in fibra di carbonio, l'air box del motore e il puntale sottocarena, così come tutte le staffe di alluminio con le modifiche necessarie. La Dymag, con sede nel Regno Unito, ha sviluppato le ruote in fibra di carbonio non solo per la BBW, ma anche per i modelli di XJR1300. Acke Rising della ISR in Svezia ha eseguito numerose lavorazioni utilizzando i progetti di El Solitario per realizzare tre alberi custom, i rotori dei dischi e l'incredibile staffa della pinza del freno posteriore. I controlli manuali ISR sono stati aggiunti insieme alle pinze anteriori a 6 pistoni e posteriori a 4 pistoni.

K-Tech Suspension ha collaborato con Novatech nello sviluppo delle impressionanti forcelle anteriori e delle sospensioni posteriori, mentre il roboante scarico custom al titanio è stato realizzato da Asahina Racing in Giappone, progettato per essere montato non solo sulla BBW, ma anche sui modelli di XJR1300. Il fornitore di radiatori di olio per Moto GP, Taleo Racing di Madrid ha creato un radiatore custom semi circolare, mentre EMD in Francia, ha lavorato sul prototipo in alluminio dei coperchi del motore che saranno disponibili presso El Solitario per i modelli XJR1300 nella versione da fonderia.

El Solitario and Classic Co

Il tappo della benzina TWM che spicca dal serbatoio custom e l'incredibile forcellone in alluminio di Over Racing, Giappone, rifiniscono il posteriore. La BBW è stata cablata con la Motogadget M-Unit e utilizza il M-Lock per l'accensione e lo spegnimento. Corona ha fornito il correttore di assetto ultramoderno e PIAA ha montato i fari dalla luce intensa.

La BBW rimane incollata all'asfalto grazie agli pneumatici slick da pioggia Michelin che portano al massimo il divertimento in tutte le condizioni. E per finire, la splendida grafica custom e la verniciatura sono opera dell'artista londinese Death Spray Custom.